Digital editions and covers


cover_126

"Seven Day Hotel", 2006
China su carta
© Fabien Verschaere

VIEW DIVIDERS

Modem Women's Milano Spring-Summer 2008

Cover by Fabien Verschaere

Per la realizzazione della copertina e degli intercalari di questa edizione di Modem consacrata alle Collezioni Donna primavera - estate 2008 abbiamo dato carta bianca a Fabien Verschaere, considerato come uno dei maggiori artisti della sua generazione.

Nasce nel 1975 a Vincennes, in Francia, vive e lavora a Parigi. Fabien Verschaere si diploma nel 2000 alla Scuola Nazionale Superiore delle Belle Arti di Parigi e ottiene nel 2002 il Master alla Scuola delle Belle Arti di Nantes.

Nell’infanzia, marcata da lunghi periodi passati in ospedale, prende coscienza della sua diversità fisica e della condizione di isolamento in cui vive e trova rifugio nel disegno appassionandosi alla tecnica dell’acquarello. Già a quest’epoca immerso nella lettura dei fumetti, comincia a sviluppare un immaginario fantasmagorico in cui convivono i sogni di un bambino ed il mondo delle fiabe. Grazie al disegno, si crea un mondo su misura
che lo fa evadere dai demoni della malattia e dalla violenza
che risente insita nello sguardo altrui.

Trova l’ispirazione nell’universo dei fumetti e nell’immaginario della musica rock per affrontare un combattimento in cui l’unica arma utilizzata è la sensibilità. L’artista lavora partendo dal suo proprio corpo, mettendo in scena i suoi complessi e i suoi fantasmi, diventando il protagonista delle sue opere.

Il suo savoir faire gli permette di utilizzare con virtuosità supporti differenti, dal disegno all’oggetto, dalla video all’installazione per immergersi nel suo universo fantastico, allucinante, sardonico, inquietante, macabro, colorato....e seducente. I suoi lavori, la saga personale che ci presenta, interrogano sul valore del simbolo e dell’identità che può veicolare la nostra immagine quando si riflette nello sguardo degli altri. Le opere di Fabien Verschaere hanno per lui una funzione di salvezza: Non so se l’Arte è venuta verso di me o io verso lei, ma è ed era già da tempo come una necessità vitale indispensabile per vivere.

Le immagini della copertina e degli intercalari sono state esposte nel 2007 al Museo di Arte Contemporanea di Lione e alla Galleria Michel Rein di Parigi.

© Ezio Barbaro