Back to the previous page

MASNADA


February 20 2012
Fashion

Un marchio che preferisce far parlare la qualità e la ricerca delle sue proposte. Il made in Italy nei tessuti naturali e nelle innovazioni materiche, ma anche nei volumi ricercati. Uno showroom in Via Rossini a Milano, in passato punto di incontro di molti artisti italiani, a sottolineare un approccio profondo e culturale ai valori del lavoro, della vita e della creatività. Stiamo parlando di Masnada, marchio che si rivolge a un pubblico che non ama seguire i diktat della moda, ma preferisce scegliere esprimendo una propria personalità. Incontriamo e intervistiamo Angelo Iannello, ideatore del progetto Masnada, colui che ha formato il team dietro alla collezione e product manager dell’azienda.

Come è nata l’avventura con Masnada? Come siete arrivati a proporre questo marchio?

A.I.La linea Masnada nasce nel 2008 dall’incontro tra l’esperienza decennale e la passione di tutti i membri dell’azienda e Cristina Galanti, stilista con un ricco passato come costumista teatrale. La voglia di affrontare nuove sfide e il gusto per la sperimentazione e la ricerca costituiscono la spinta che ha dato vita alla linea, e rappresentano ancora oggi gli stimoli fondamentali per la creazione delle nuove collezioni.

Come si è innovativi oggi nella moda? Come avviene la ricerca ad esempio sui materiali per Masnada e in che direzione sta andando?

A.I.Oggi innovare vuol dire essere aperti e recettivi a tutti gli stimoli provenienti dall’esterno, saper cogliere gli aspetti più interessanti dai campi più disparati e unirli per creare qualcosa di nuovo, declinato poi nella visione di un mondo strettamente personale. La ricerca dei materiali, fondamentale per Masnada, segue tale direzione: il sapore unico, irriproducibile di tessuti di archivio viene rielaborato con materiali e lavorazioni innovative, lasciando così spazio alla creazione di tessuti in esclusiva, principale segno di riconoscimento del marchio. La qualità è sempre e comunque il principio basilare.

Una delle caratteristiche dei capi Masnada è la propensione ad una atemporalità. Cosa rende un capo elegante e trasversale, capace di durare per più di una stagione?

A.I.I capi Masnada nascono da una vera e propria ricerca della forma; attraverso lo studio attento e sperimentale dei tagli prendono vita volumi insoliti dalle linee essenziali e pulite, nella loro morbida geometricità. Ciò che è importante per Masnada non sono le tendenze moda, ma l’armonia delle forme di ogni singolo capo. È questo l’elemento che rende le collezioni indipendenti da collocazioni temporali, in una essenziale femminilità, raro equilibrio di cui siamo in costante ricerca..

Un altro elemento importante del vostro lavoro è il legame con la sartorialità italiana. Quanto ritiene sia importante il made in Italy oggi nel mondo? Come si esprime questo legame con l’italianità in Masnada?

A.I.L’appartenenza alla sartorialità italiana porta alla cura dei dettagli e al piacere per l’artigianalità. Il Made in Italy è una garanzia e il segno riconoscibile di cultura e tradizione; è per noi essenziale che sia alla base del nostro lavoro, in quanto rafforza l’identità del nostro brand nel mondo. Sublimazione di questo concetto è “Etichetta Toscana”, certificazione ologrammata di origine anche dei tessuti dello storico distretto tessile in cui operiamo, che viene applicata ad ogni capo.

<sld(Masnada)|center>

Nella brand philosophy ci sono anche chiari riferimenti all’eticità del lavoro nella moda. Ce ne vuole parlare?

A.I.I valori di un’azienda di moda non possono limitarsi solo a un piano puramente estetico, ma anche morale; la correttezza e la trasparenza consentono di portare avanti il proprio lavoro con fierezza.

Se dovesse in poche parole tratteggiare la collezione, da un punto di vista di stile, come la descriverebbe?

A.I.La collezione a/i 2012-13 costituisce una riflessione sul corpo come luogo di sperimentazione in rapporto di forte coinvolgimento con l’oggetto. Geometrie invisibili disegnano i capi intorno al corpo; l’essenzialità delle forme si completa nell’incontro con la figura umana. La presenza dei materiali è molto forte: tessuti dalle trame materiche, intense, come lane robuste, jersey lavorati, trattati, si uniscono a tessuti fluidi corposi, cascanti. Capi fatti a mano dal sapore artigianale presentano materiali innovativi. I colori dai toni scuri si tingono di bagliori ferrosi, metallici. Un solo colore, il rubino, simbolo di quell’energia da cui nasce la collezione.

Il vostro showroom è in uno storico palazzo di Via Rossini a Milano. Perché avete scelto questo luogo suggestivo e che significato ha per voi?

A.I.L’evoluzione della nostra collezione ci ha portato a ricercare il contatto diretto con la nostra clientela al fine di trasmettere tutti i contenuti di ricerca attentamente profusi nella scelta dei tessuti e nella costruzione dei capi. Il Palazzo di via Rossini a Milano rappresenta un singolare esempio di architettura di fine 800 e un forte punto di riferimento storico e artistico della città. La scelta di una location così suggestiva per presentare la collezione Masnada permette di comunicare al meglio i valori e lo spirito che sono alla base del marchio; rivela l’interesse di Masnada per la cultura e per il piacere di sentire lo spirito dell’arte, elementi fondamentali per una collezione che si riveli senza tempo.




Stefano Guerrini ©modemonline