Back to the previous page

Un nuovo giovane talento


October 07 2010
Fashion

È stato uno degli stilisti a sfilare al Circolo Filologico di Milano nell’ambito del progetto N-U-DE, New Upcoming Designers, promosso dalla Camera Nazionale della Moda Italiana, durante la recente settimana milanese dedicata alle collezioni femminili. Mauro Gasperi, bresciano, classe 1979, ha creato una linea a suo nome appena tre anni fa e da due ha un negozio monomarca proprio nella città d’origine. Abbiamo incontrato questo giovane stilista poche ore dopo la presentazione in passerella della collezione per la p/e2011.

Come è iniziata la sua carriera? La moda è sempre stata un suo sogno?
Ho studiato al Polimoda di Firenze, specializzandomi in maglieria. Ho sentito da subito che era il mio sogno e ho avuto presto la possibilità di entrare in contatto con aziende come Dolce & Gabbana e Paola Frani, dove ho iniziato il mio percorso professionale. Aver vinto il concorso Fashion Incubator indetto dalla Camera Nazionale della Moda Italiana nel 2009 mi ha dato grande forza per andare avanti e la possibilità di poter sfilare a Milano Moda Donna, inserendomi nel calendario delle sfilate a partire dalla collezione p/e 2010.

Quanto è importante la collaborazione con la Camera della Moda?
Oltre alla possibilità di essere inserito nel calendario delle sfilate, la collaborazione con la Camera mi ha dato molto, ad esempio ho potuto sfilare durante la settimana della moda a Mosca, Tokyo e Berlino, conoscere importanti buyer italiani ed esteri, avere una buona visibilità con la stampa. Infine, grazie alla Camera della Moda, un negozio importante come LuisaViaRoma ha scelto alcuni miei capi della stagione a/i 2010-2011.

Ci racconta l'ultima collezione? Da quali input ispirativi è nata?
<sld(maurogasperi)|right> Mi sono ispirato ai colori delle oasi del deserto , ho pensato ai solchi, e alle onde, che sfumano nella sabbia,. La maglieria guarda agli anni '90, soprattutto nei colori brandy e timo. Anche in questa collezione le nervature, e il gioco di spessori, sono componenti predominanti del mio stile, mentre ho giocato di più con intrecci e con tessuti che diventano abiti.
Progetti per il futuro?
Da due anni ho un monomarca a Brescia, mi piacerebbe valorizzarlo con progetti di comunicazione e pensare nel 2011 ad un'altra location per un secondo negozio. Oltre al Tranoi a Parigi, sarò presente di nuovo, come ospite speciale, al Pitti Pre-Woman di Firenze. Mi è piaciuto molto sfilare nella location del Circolo Filologico e nel 2011 il mio progetto è di proseguire su questa strada. Aspetto di rafforzarmi in Giappone, in base ai primi positivi riscontri che ho ricevuto e magari un giorno spero di poter sfilare a Tokyo, oltre che a Milano. Il mio grande sogno è poter realizzare in futuro una linea di accessori.

Stefano Guerrini©modemonline

pictures by Michele De Andreis & Roberta Raguso